Gualberto Franciacorta Dosaggio Zero Ricci Curbastro

Il Gualberto Franciacorta Dosaggio Zero è la punta di diamante della Ricci Curbastro. Del resto porta il nome del fondatore di quella che per esteso si chiama AZIENDA AGRICOLA GUALBERTO […]
Gualberto Franciacorta Dosaggio Zero Ricci Curbastro

Gualberto Franciacorta Dosaggio Zero Ricci Curbastro

Il Gualberto Franciacorta Dosaggio Zero è la punta di diamante della Ricci Curbastro.

Del resto porta il nome del fondatore di quella che per esteso si chiama AZIENDA AGRICOLA GUALBERTO RICCI CURBASTRO & FIGLI.

Sarà lui il 799° vino presente sul mio blog, e ne ha il pieno diritto.

Se non parlo del Gualberto Franciacorta Dosaggio Zero Ricci Curbastro, allora di che vino dovrei parlare?

Livello alto, residuo zuccherino basso ed oltre 60 mesi sui lieviti. Mi piace già ancor prima di averlo stappato, anche per la sua bottiglia.

L’etichetta minimal dal colore dorato riporta il nome Gualberto che si divide sue quelle che sembrano 3 bolle di dimensione a scalare.

Ma di bolle ne ha più di 3, in mezzo a quel colore giallo paglierino chiaro e brillante infatti si intravede un perlage fine ma intenso, e persistente. Si forma poca spuma versandolo, e la maggior parte svanisce rimanendo solo come in velo attorno alla corona.

Profumi stranamente fruttati, avrei pensato ad una crosta di pane più invasiva ed invece essa c’è, ma viene sovrastata dagli agrumi di Sicilia e da una pesca noce non troppo matura.

La bevuta del Gualberto Franciacorta Dosaggio Zero Ricci Curbastro è la sintesi del piacere.

Fresco e cremoso al palato, strutturato ma mai pesante, è asciutto con una vena acidula che rimane in perfetto equilibrio fino alla fine, dove emerge un vago sentore minerale.

Gli abbinamenti sono principalmente con il pesce. Il Gualberto accompagna tutto il pasto, dagli antipasti freddi o crudi, ai primi piatti saporiti, guazzetto di crostacei, griglia o fritto. Non teme nulla.

Pensate che ci starebbe bene anche con del culatello? Si, ed anche con un tagliere salumi e formaggi. Ma anche con carne di coniglio.

Ok, però il pesce è la morte sua. Servito a 10 gradi in un calice medio, la vendemmia 2008 ha 12,5 gradi di leggerezza.

La scheda di sintesi:

Regione -> Lombardia (Brescia).

Zona -> Regione Franciacorta , Capriolo (BS). 

Uvaggio -> Nero 60-70%, Chardonnay 30-40%.

Gradazione -> 12,5% vol.

Prezzo medio -> 30€ per 75cl. Ok il prezzo è giusto!

Presunte Calorie -> 75 Kcal/100ml.

Vergari Samuele

About Vergari Samuele

http://www.foodwinebeer.it opinioni su Vini , Birre , Ristoranti e tanto altro !