Gualdo del Re Grappa Riserva di Aleatico

Gualdo del Re Grappa Riserva di Aleatico
Gualdo del Re Grappa Riserva di Aleatico
Gualdo del Re Grappa Riserva di Aleatico

La Grappa Riserva di Aleatico di Gualdo del Re, distillata dalla Nannoni s.n.c. è durata poco.

Mezzo litro, amici, dopocena ed insomma…finisce.

Non ho avuto molto tempo per degustarla a sessioni ripetute, quindi vi riporterò le sensazioni che mi sono rimaste.

Con le vinacce della tenuta Gualdo del Re alla Nannoni s.n.c. distillano questa Grappa Riserva di Aleatico, che come dice il nome è una grappa monovitigno di Aleatico invecchiata in barrique.

Non so per quanti mesi però.

Ed allora parlo solo di lei, senza dettagli tecnici.

La Grappa Riserva di Aleatico ha un colore giallo paglierino carico con riflessi dorati che virano verso l’ambrato.

Nel profumo non si sente solo il legno, ma il ventaglio di aromi abbraccia anche la vaniglia, la frutta gialla e la componente etilica.

Il sapore è potente, la botta alcolica è retta bene da un legno “denso”. Sembra di masticale legno, ma solo all’inizio perché poi emerge il miele che ci accompagna al finale di mandorla. In tutto ciò però ci sono segni evidenti del vitigno da cui deriva.

Bevuta piacevole, ma che segna il passo. Ha ben 42 gradi che si sentono tutti, anzi sembrano anche di più.

Che altro dire? Non saprei, potrei parlare del più e del meno, come fanno in altri blog dove si parla di aria fritta. Blog che nel loro proclamo sono nel settore vitivinicolo, ma che il vino secondo me non lo conoscono affatto.

Sia chiaro, non che io sia un esperto o intenditore sopraffino, però almeno sul campo mi sono fatto la pelle. Ed il fegato…

La scheda di sintesi: 

Regione -> Toscana, Paganico (GR).

Produttore -> Distillerie Nannoni per conto della tenta Gualdo del Re.

Uve -> Vinacce di Aglianico.

Gradazione -> 42% vol.

Prezzo medio -> 30 euro 50cl.

Presunte Calorie -> 230 Kcal/100ml.