Arunda Brut Rosé Metodo Classico Talento

Brut Rosé Metodo Classico Arunda
Brut Rosé Metodo Classico Arunda

Ah che godimento questo Arunda Brut Rosé Metodo Classico Talento, uno spumante perfetto, sotto tutti i punti di vista.

Perlage abbondante ma non invasivo, acidità bassa insomma…basta altrimenti non vi leggete l’articolo se vi anticipo troppo!

Vi racconto subito un aneddoto sull’Arunda Brut Rosé Metodo Classico Talento, non l’ho comprato io.

Mi hanno fatto un regalo “telefonato” dicendomi, che mi avrebbero portato alcuni Franciacorta.

In effetti mi hanno portato delle belle bottiglie, ma quando ho preso in mano l’Arunda Brut Rosé ho subito affermato: << …ma questo non è un Francicorta, è un selezione Talento dell’Alto Adige>>.

Momento di silenzio generale. Imbarazzo. E giù di spiegazione sulla differenza, la zona del Franciacorta, la Lombardia ed il Trentino Alto Adige, non sono uguali, le denominazioni…etc…etc…

Detto questo ho ringraziato comunque perché mi piace provare prodotti nuovi, e questo Arunda Brut Rosé Metodo Classico Talento oltre a essere per me nuovo è stato anche una gran bella bevuta.

Colore rosa intenso tendente al salmone, bello carico e con un perlage con bolle di dimensioni generose, abbondanti e sopratutto durature nel tempo. Quando lo versi fa anche una spumina rosacea abbondante ma svanisce in fretta.

Il suo profumo è quello della rosa in fiore, con un sentore vinoso, anzi di mosto che fa capolino e copre i lieviti.

Eppure questo metodo classico si fa tra i 24 ed i 30 mesi di permamenza sugli stessi, senza rimanerne segnato nell’odore e nemmeno nel sapore.

Infatti al palato l’Arunda Brut Rosé Metodo Classico Talento è cremoso, con le bolle che solleticano la lingua e lasciano in bocca un piacevole sapore di ribes, leggermente aspro ma mai acidulo.

Pinot nero e pinot bianco 50/50, concorrono quindi a creare questo ottimo risultato, che tra le altre cose è veramente poliedrico negli abbinamenti.

Sicuro che il pesce è il suo prediletto, dagli antipasti freddi alle grigliate, passando anche per il pesce al forno come ad esempio il branzino in crosta di patate con cui l’ho bevuto io.

Ma le carni bianche non sono da meno, siano esse petti di pollo o tacchino oppure cose più elaborate come pollo al curry.

E le verdure? Anche! Anzi devo dire che a parte le torte di verdure o verdure grigliate, l’Arunda Brut Rosé Metodo Classico Talento anche con le insalate non è male, e per dimostrare la sua reale flessibilità vi dirò che anche con i sughi al pomodoro non esalta l’acidità e quindi supera una prova che molti altri prodotti simili falliscono.

Pensate poi, che seppur sia un prodotto da 12,5 gradi, non va affatto alla testa, e servito in un calice medio ampio ad una temperatura tra i 6 e gli 8 gradi si finisce in fretta la bottiglia.

La scheda di sintesi: 

Regione -> Alto Adige.

Zona -> Meltina (BZ) (Vigneti in Terlano, Appiano – Cornaiano Salorno).

Uvaggio -> Pinot Nero 50% e Pinot Bianco 50%.

Gradazione -> 12,5% vol. 

Prezzo -> 19 Euro per 75cl.

Presunte Calorie -> 75 kcal/100ml